Una giornata di controlli straordinari sui mezzi pesanti stranieri

Coinvolti agenti della Polizia Municipale, carabinieri della Stazione di San Giorgio e operatori del Ministero dei Trasporti

Non sarà sfuggita agli utenti del servizio ferroviario l’anomala presenza di agenti di polizia e di camion fermi l’altra mattina nel piazzale retrostante la stazione di Funo di Argelato, area di parcheggio solitamente poco frequentata. La causa di tutto questo era la periodica giornata dedicata al controllo sui mezzi pesanti stranieri, che ha visto coinvolti, oltre alla Polizia Municipale dell’Unione Reno Galliera, i Carabinieri della Stazione di San Giorgio di Piano e gli operatori del Dipartimento Nord Est del Ministero dei Trasporti, competente anche per il territorio bolognese, presente con il proprio centro mobile attrezzato per le revisioni dei veicoli pesanti.

Obiettivo specifico della attività di controllo era l’autotrasporto di merci esercitato dai veicoli stranieri, che venivano individuati lungo le strade della zona dagli agenti del Reparto motociclisti della Polizia Municipale Reno Galliera ed accompagnati nel piazzale per essere sottoposti al controllo della conformità e dello stato di manutenzione dei dispositivi tecnici, con l’utilizzo del centro mobile del ministero. In quella sede gli agenti provvedevano anche a verificare il rispetto dei tempi di guida dei conducenti, obbligo purtroppo spesso disatteso proprio in particolare da chi percorre gli itinerari internazionali.

Nelle otto ore di controlli complessivamente sono stati sottoposti a revisione straordinaria 13 autotreni stranieri, provenienti da tutta Europa, di cui 3 extra UE. 10 di questi sono risultati non in regola, per un totale di 25 verbali e 5.000 euro di sanzioni, per varie irregolarità sui documenti di trasporto internazionali, sui dispositivi tecnici dei veicoli e per mancato rispetto dei tempi di guida. In particolare un conducente sardo, che aveva guidato il camion della azienda bulgara per la quale lavora continuativamente per due giorni, senza effettuare il prescritto stacco giornaliero, è stato “costretto” al riposo dagli agenti mediante il ritiro dei documenti di guida. Dopo avere passata la notte riposando in un parcheggio di San Giorgio di Piano, poco lontano dal Comando della Polizia Municipale, i documenti gli sono stati restituiti ed ha potuto riprendere il viaggio.

“Quello del mancato rispetto delle regole nel settore dell’autotrasporto – afferma il Comandante Massimiliano Galloni – è purtroppo un fenomeno in crescita, soprattutto oggi in tempi di crisi economica: guidare senza riposare per esempio, limita fortemente le capacità di reazione del conducente, aumentando in modo esponenziale il rischio di incidenti. Questi comportamenti inoltre incidono negativamente anche sul mercato dell’autotrasporto, ai danni delle imprese corrette, che rispettano le leggi e spendono per rispettarle”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2016/05/31 11:44:54 GMT+2 ultima modifica 2016-05-31T13:44:00+02:00

Valuta questo sito