Spaccio e resistenza a pubblico ufficiale: la PM arresta un pluripregiudicato residente a San Pietro

Già noto alle forze dell'ordine, è stato fermato al termine di un inseguimento di 15 km

Si è concluso con l’arresto per resistenza a pubblico ufficiale e spaccio di sostanza stupefacente il lungo e rocambolesco inseguimento che ha visto coinvolte diverse auto della Polizia Municipale dell’Unione “Reno Galliera” e che, iniziato a Rubizzano di San Pietro in Casale, si è concluso, dopo 15 chilometri di fuga, a Bentivoglio. Alla guida del veicolo un italiano residente a San Pietro in Casale, già ampiamente noto alla giustizia per diversi precedenti penali.
Tutto era iniziato durante un normale posto di controllo lungo la via Rubizzano: un monovolume vede da lontano una pattuglia della “Reno Galliera” intenta a controllare il traffico e, fatta inversione di marcia, si allontana in tutta fretta per evitare il controllo. La manovra non sfugge agli agenti del Comandante Massimiliano Galloni, che prontamente si pongono sulle sue tracce. Inizia così un inseguimento di oltre 15 chilometri lungo le strade dei comuni di San Pietro in Casale, San Giorgio di Piano e Bentivoglio e che ha visto coinvolte tre pattuglie della municipale e due dei Carabinieri di San Giorgio di Piano. Nonostante fosse tallonato dagli agenti il conducente non dava segni di volersi fermare, viaggiando a tutta velocità, con ripetuti sorpassi azzardati che mettevano in pericolo gli altri veicoli in transito. Impegnata la strada provinciale “Galliera”, tentava due volte di speronare un’auto della Polizia Municipale che lo aveva nel frattempo affiancato, costringendola a spostarsi nella corsia opposta di marcia. L’inseguimento si concludeva a Bentivoglio: qui gli agenti riconoscevano il conducente in M.C., quarantaseienne, già arrestato in passato per spaccio di stupefacenti. La successiva perquisizione a casa consentiva di rinvenire qualche grammo di cocaina e tutta l’attrezzatura per il confezionamento delle dosi finalizzato allo spaccio della sostanza stupefacente, confermando le note abitudini del soggetto.
Alla accusa di resistenza a pubblico ufficiale si è così aggiunta quella per spaccio di sostanza stupefacente. L’arresto del soggetto eseguito dalla Municipale “Reno Galliera” è stato convalidato per direttissima dal Tribunale di Bologna ed il responsabile si trova ora ai domiciliari in attesa dell’udienza di merito.
La fuga dell’arrestato era iniziata per ragioni afferenti la circolazione stradale, in particolare perché l’auto non era assicurata”, commenta il Comandante Massimiliano Galloni, “la professionalità dei miei collaboratori ha consentito di estendere l’attività anche al contrasto dello spaccio di stupefacente”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2016/05/10 14:19:02 GMT+2 ultima modifica 2016-05-10T16:19:00+02:00

Valuta questo sito