Via libera dell'Unione Reno Galliera alla nuova ASP Pianura Est

Frutto della fusione della Galuppi-Ramponi e della Donini-Damiani, la nuova Asp verrà avviata dal 1 gennaio 2016 e si occuperà di servizi agli anziani

Il Consiglio dell'Unione Reno Galliera ha votato, nella seduta di giovedì 23 luglio, la bozza di statuto e la convenzione per la nascita della nuova Asp "Pianura Est", frutto dalla fusione delle due Asp Galuppi-Ramponi e Donini-Damiani - attualmente operanti nel distretto socio sanitario Pianura Est (15 comuni, oltre 150.000 abitanti).

La nuova Asp si occuperà dei servizi per gli anziani (case e appartamenti protetti, centri diurni, assistenza domiciliare ecc.) e avrà numeri molto importanti: quasi 200 dipendenti, un bilancio di oltre 11 miloni di euro e un patrimonio di enorme valore.
L'iter prevede che il progetto di fusione sia deliberato oltre che dall'Unione Reno Galliera da tutti i Consigli Comunali afferenti al distretto, e ottenere infine anche il via libera della Regione Emilia Romagna.
La nuova Asp unica verrà avviata a partire dal 1 Gennaio 2016.

Secondo il Presidente dell'Unione Reno Galliera Sergio Maccagnani: "Si tratta di un percorso molto importante che stiamo preparando da anni e che consentirà di omogeneizzare i trattamenti e le prestazioni per gli anziani. In linea con la normativa regionale, il nostro territorio avrà un'unica Asp e quindi un'unica forma gestionale dei servizi per gli anziani. Le due Asp oggi esistenti hanno un bilancio a pareggio e hanno raggiunto un livello gestionale efficiente riconosciuto da tutti. La fusione delle due Asp consentirà rafforzare ulteriormente la gestione attraverso una struttura unitaria, migliorando la qualità delle strutture e dei servizi sul territorio con una governanance forte dei Comuni che saranno i soci della nuova Asp".

Secondo Giulio Pierini, sindaco di Budrio e Presidente del Distretto Bologna Pianura est: "La fusione delle due Asp è un risultato importante sul quale tutti i Comuni del nostro territorio hanno lavorato. Nei prossimi anni l'Asp unica verra rafforzata con nuove funzioni perché, in linea con le normative regionali, non si occuperà solo di anziani ma anche di disabili e minori (attualmente gestiti dall'azienda USL). La Regione infatti dal 2013 ha previsto che in ogni distretto vi possa essere un'unica forma gestionale dei servizi sociali e socio-sanitari. Il nostro territorio ha così deciso con questo percorso di puntare sull'Asp, azienda interamente pubblica, per la gestione dei servizi socio-sanitari sul territorio".

Bozza di Statuto
Convenzione

Valuta questo sito