Galliera - Ex autotrasportatore “diventa rumeno” per continuare l’attività in Italia esentasse

Denunciato dalla Polizia Municipale dell’Unione Reno Galliera un cinquantanovenne originario della provincia di Rovigo

Aveva chiuso la propria attività di autotrasportatore trasferendola in Romania e con i camion reimmatricolati con targa rumena continuava a far consegne esentasse in Italia.
E’ finito nei guai un ex autotrasportatore italiano fermato dalla Polizia Municipale dell’Unione Reno Galliera mentre viaggiava in comune di Galliera per far consegne a ristoranti con un camion frigo immatricolato con targa rumena. Gli agenti su strada potevano accertare che per riuscire ad entrare in Italia con il furgone frigo l’autista si era inventato un fantomatico trasporto di porte finestre diretto al domicilio italiano della madre ottantenne, falsificando il documento autorizzatorio, e in questo modo continuava a far consegne per conto terzi in Italia senza autorizzazione e senza pagare le tasse nel nostro paese. Di fatto è emerso che aveva chiuso la propria attività di autotrasportatore in Italia e aveva trasferito i propri camion in Romania, continuando tuttavia a lavorare abusivamente in Italia da evasore totale.

Quello dei trasporti in regime di cabotaggio abusivo è purtroppo un fenomeno in aumento nel nostro paese. - afferma il Comandante Massimiliano Galloni - A farne le spese sono i nostri autotrasportatori onesti che si trovano a dover competere con abusivi che, lavorando esentasse, possono offrire prestazioni a prezzi del tutto fuori mercato.

L’autista è stato denunciato per i documenti falsificati e sanzionato con cinquemila euro di sanzione amministrativa; l’autocarro è stato sottoposto a fermo amministrativo.

Azioni sul documento

pubblicato il 2015/04/09 16:16:56 GMT+2 ultima modifica 2015-04-09T18:16:00+02:00

Valuta questo sito