Dal processo partecipativo ‘Paesaggio e rischio’ all'Osservatorio locale per la qualità del paesaggio

Siglato l'accordo di collaborazione tra Unione e Regione per la costituzione dell'Osservatorio

Nella seduta del Consiglio dell'Unione di giovedì 24 settembre è stato siglato, tra Unione Reno Galliera e la Regione Emilia-Romagna, un "accordo di collaborazione" per la costituzione di un Osservatorio locale del paesaggio. Nell'accordo sono definiti tempi, risorse e attività da mettere in campo per giungere nella primavera 2021 alla vera e propria nascita dell'Osservatorio.

A livello regionale lOsservatorio regionale per la qualità del paesaggio ha il compito di dare attuazione ai principi fissati dalla Convenzione Europea del paesaggio (CEP): si prefigge, quindi, la diffusione della cultura del paesaggio e la promozione della sua qualità, orientando a tal fine le politiche regionali.
L'osservatorio regionale si occupa di tutto il territorio regionale e non solo dei paesaggi eccezionali, e lo fa promuovendo lo scambio tra approcci, professionalità ed esperienze diverse. Suoi obiettivi sono la promozione del paesaggio, l'approfondimento e raccolta dei dati per la sua salvaguardia, la sensibilizzazione e la formazione e, infine, la promozione di Osservatori locali come centri di incontro e confronto sul paesaggio inteso come bene comune, in collaborazione tra gli Enti locali e la comunità di riferimento.

Questo è quanto accaduto nella seduta del Consiglio dell'Unione Reno Galliera di giovedì 24 settembre: l'Unione ha cioè approvato la costituzione di un Osservatorio Locale del paesaggio in continuità al processo partecipativo ‘Paesaggio e rischio’, che aveva l’obiettivo di sensibilizzare le comunità sui temi della tutela e valorizzazione del paesaggio, coniugandoli con quelli della conoscenza dei fenomeni naturali connessi ai rischi idraulico e idrogeologico.

L’Osservatorio locale per il paesaggio avrà quindi come riferimento il territorio dell’intera Unione e proseguirà la riflessione sui temi affrontati avendo come obiettivo prioritario quello di inserirsi in un’ampia rete di rapporti con gli altri Osservatori per il Paesaggio già esistenti o in via di costituzione in Italia, per promuovere la conoscenza reciproca e la cooperazione, nella prospettiva di possibili, futuri allargamenti anche a livello europeo.

Obiettivi della rete sono infatti
• superare una concezione estetizzante del paesaggio nella ricerca di fondamenti identitari della comunità locale;
• individuare le dinamiche di trasformazione dei paesaggi e proporre i caratteri invarianti da conservare;
• favorire la conoscenza delle potenzialità economiche, sociali e culturali del paesaggio da parte delle comunità locali anche mediante attività informative e formative.

L'Osservatorio locale verrà costituito nella primavera dell'anno prossimo. In questi mesi l'Unione (i settori coinvolti sono il Servizio Urbanistica e il Settore Cultura) ricontatterà i soggetti che hanno seguito il percorso partecipativo 'Paesaggio e Rischio' per chiedere loro di farne parte e, assieme, allargare la cerchia ad altre realtà locali, anche attraverso attività di sensibilizzazione per far emergere associazioni, gruppi o anche Enti (ad es. scuole) che vogliano partecipare all'Osservatorio. L'Osservatorio avrà un proprio Presidente, un Consiglio Direttivo, uno Statuto e un programma di attività.
Nel processo di formazione dell'Osservatorio, l'Unione - assieme alla Regione - fungerà da spin off, ma una volta costituito assumerà un ruolo di supporto e coordinamento.

Info: urbanistica@renogalliera.it - e.lazzari@renogalliera.it

Valuta questo sito