Riscaldamento domestico: riscaldare casa in sicurezza, inquinando meno e con la massima efficienza

Salvo diverse ordinanze locali (si rimanda a tal fine ai siti comunali), è possibile tornare ad accendere gli impianti di riscaldamento  domestico dal 15 ottobre 2020, ed è importante conoscere le regole stabilite dal PAIR per ridurre le emissioni di polveri sottili e utilizzare correttamente gli impianti: nei condomini che li hanno centralizzati la responsabilità è in capo a una figura professionale, mentre per i piccoli impianti domestici è in capo al proprietario o all’affittuario.

La Regione Emilia-Romagna, Arpae e Anci hanno prodotto un volantino che spiega in maniera sintetica le regole sul corretto utilizzo degli impianti di riscaldamento e spiega cosa fare per installarne di nuovi, come verificare che siano a norma, come adeguarli alle nuove normative.

Ogni tipo di impianto è infatti soggetto a regole specifiche che ne garantiscono: efficienza energetica - assenza di pericolo - riduzione delle emissioni.

N.B.: per molti  impianti è anche necessaria l’iscrizione al Catasto Regionale degli Impianti Termici CRITER, che certifica periodicamente i requisiti di sicurezza ed efficienza energetica.

Per ridurre le emissioni, e per la salute, vale comunque la regola di mantenere la temperatura entro i 20°C (19°C in caso di allerta smog).

Riscaldare casa in sicurezza inquinando meno _ 1 Clicca per ingrandire

Riscaldare casa in sicurezza inquinando meno _ 2Clicca per ingrandire

Scarica il volantino in formato PDF (1561 KB)

Guarda le video-pillole ANCI

Valuta questo sito