Anziani, Non autosufficienti

Centri diurni

Il Centro Diurno è un servizio socio-assistenziale a carattere semi-residenziale rivolto ad anziani parzialmente o totalmente non autosufficienti. 
Il servizio consente all'anziano di trascorrere le ore diurne in un luogo che offre risposte adeguate alle sue esigenze, gli permette di restare nella propria abitazione garantendo un supporto alle famiglie.
Nel Centro Diurno si svolgono attività finalizzate al sostegno di chi, per patologie psico-fisiche o a causa dell'isolamento sociale/relazionale, necessita di un contesto protetto. Nel centro gli anziani sono assistiti e stimolati per mantenere le residue capacità psicofisiche, cognitive e intellettive.

Il Centro Diurno offre i seguenti servizi: assistenza di base e tutelare; animazione e socializzazione; mensa; podologia; psicomotricità e/o ginnastica dolce; fisioterapia e servizio infermieristico, se necessari.

In base alle esigenze dell’anziano e della sua famiglia il Centro Diurno può essere frequentato tutti i giorni di apertura o solo in alcuni, tutta la giornata o per solo una parte di essa.
Nel territorio dell'Unione Reno Galliera ci sono sei centri diurni e si trovano ad Argelato, Bentivoglio, Castello d'Argile, Castel Maggiore, San Giorgio di Piano e Pieve di Cento.

centro diurno indirizzo
Luigi Galuppi Via Gramsci 28, Pieve di Cento
Francesco Ramponi Via Ramponi 46. S. Giorgio di Piano
Casa del Ciliegio Via Ungaretti 5, Castel Maggiore
Centro Diurno per anziani parzialmente autosufficienti Via Matteotti 135, Castello d’Argile
Margherita Via di Saletto 9/3, San Marino di Bentivoglio
Il Picchio Via Puccini 14, Funo di Argelato

 

Teleassistenza e telesoccorso
Servizio dell’Unione Reno Galliera in convenzione con la la Ditta Aliser srl

Si tratta di un ausilio telematico previsto a favore della popolazione anziana e/o disabile, in  articolare rivolta a persone a rischio sanitario e di cadute, al fine di consentirne la permanenza a domicilio.

Attraverso il pulsante del radiocomando che la persona deve portare sempre con sé all’interno dell’abitazione, l’anziano può mettersi in contatto in ogni ora del giorno e della notte con una centrale operativa. L’operatore di centrale, in base alle richieste effettuate e/o al tipo di decodifica dell’allarme, attiverà il pronto intervento necessario: medico, ambulanza, Vigili del Fuoco, familiari o vicini di casa, precedentemente identificati come potenziali soccorritori.
Il Telesoccorso si avvale in caso di necessità di un sistema “viva voce” che permette il dialogo tra centrale e utente senza che necessariamente quest’ultimo debba raggiungere l’apparecchio telefonico. Periodicamente, anche in assenza di allarmi, la centrale effettua telefonate di controllo per mantenere il contatto con la persona, informazione sul suo stato di salute e verifica dell’idoneità dell’apparecchiatura.
La presa in carico avviene attraverso un colloquio dell’interessato e/o dei familiari con l’Assistente Sociale che predispone quanto necessario per l’attivazione del servizio.

Info:  o rivolgersi agli Sportelli Sociali e Scolastici dell’Unione Reno Galliera


Farmacie di turno nella provincia di Bologna (collegamento a sito esterno)

Azioni sul documento

pubblicato il 2016/04/15 10:25:00 GMT+1 ultima modifica 2019-12-16T09:46:42+01:00

Valuta questo sito