28/12/2019 Pieve di Cento - Ricordando Alice Zeppilli e Giuseppe Alberghini

  • Cosa Cultura
  • Quando 28/12/2019 dalle 21:00 alle 23:00
  • Dove PIEVE DI CENTO - TEATRO COMUNALE A. ZEPPILLI - p.zza A. Costa, 17
  • Aggiungi un evento al calendario iCal

Serata dedicata al soprano Alice Zeppilli (nel teatro che porta il suo nome), nei 50 anni dalla scomparsa, e al consorte Giuseppe Alberghini, nel 140° anniversario dalla nascita.

i protagonisti

Francesca Maria Cucuzza, soprano
Ma Guoy, Tenore
Davide Peroni, baritono
Eugenio Palumbo, mandolino
Pietro Scimemi, violoncello
vincitore della IV edizione del Premio Alberghini
M° Luca Saltini al pianoforte
Direzione artistica M° Angelo Gabrielli

Si ringrazia per la collaborazione il M° Cristiano Cremonini

Programma

Raffaele Calace (1863-1934), Preludio per mandolino solo n° 2
Eugenio Palumbo, mandolino
Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791), Don Giovanni “Vedrai, carino”
Francesca Maria Cucuzza, soprano
Luca Saltini, pianoforte
Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “Deh, vieni alla finestra”
Davide Peroni, baritono
Eugenio Palumbo, mandolino
Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “Batti, batti, o bel Masetto”
Francesca Maria Cucuzza, soprano
Luca Saltini, pianoforte
Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “Il mio tesoro”
Ma Guoy, tenore

Luca Saltini, pianoforte

-Intervallo-

Jules De Swert (1843-1891) Concerto per violoncello op.32
(composizione con cui il giovanissimo Giuseppe Alberghini si diplomò brillantemente nel 1898 al Liceo Rossini di Bologna, ora Conservatorio Martini)
Pietro Scimemi, violoncello, vincitore del Premio Alberghini, IV edizione
Luca Saltini, pianoforte
Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “In quali… mi tradì quell’alma ingrata”
Francesca Maria Cucuzza, soprano
Luca Saltini, pianoforte
Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “Ho capito, signor, si”
Davide Peroni, baritono
Luca Saltini, pianoforte
Wolfgang Amadeus Mozart, Don Giovanni “Là ci darem la mano”
Francesca Maria Cucuzza, Soprano
Davide Peroni, baritono

Luca Saltini, pianoforte

I brani al mandolino verranno eseguiti con l’accompagnamento dello   strumento realizzato da Luigi Mozzani nel 1920, donato al Comune dal Sig. Paolo Borghi, ed esposto nel Museo della Musica di Pieve di Cento.


Il Museo della Musica raccoglie testimonianze della vita artistica del soprano Alice Zeppilli alla cui memoria è stato intitolato il teatro, nel 2003, dopo i lavori di restauro. Nata il 28 agosto 1885 a Mentone (F) interpretò a soli diciotto anni   di Gilda nel Rigoletto all’Opera di Montecarlo, con E. Caruso, Duca di Mantova. La sua carriera, rapida ed intensa, la vide calcare le scene dei più importanti teatri del mondo. Dal 1906 al 1914 fu un’autentica star negli Stati Uniti. A New York nel 1913 sposò Giuseppe Alberghini, primo violoncello nell’orchestra di Chicago, nato a Pieve nel 1879, fratello maggiore dello scultore Antonio. Nel 1915 la Zeppilli abbandonò gli States per seguire in Italia il marito chiamato alle armi. Durante gli anni del conflitto il suo nome continuò ad apparire sulle locandine dei teatri francesi e italiani, fino a quel momento, questi ultimi, un po’ trascurati Al fronte Alberghini conobbe Gabriele D’Annunzio, suo capitano, e iniziò una splendida amicizia che durò anche dopo il conflitto: ne sono testimonianza le bellissime lettere inviate ai coniugi. Nel 1920 gli Alberghini fecero costruire una villa a Pieve, situata poco fuori Porta Cento, che utilizzarono come residenza estiva. Dopo la morte del marito, avvenuta nel 1954, Alice si trasferì definitivamente a Pieve. Qui rimase fino al 1969, anno della sua scomparsa. La sua collaboratrice domestica, Giuseppina Melloni, divenuta proprietaria della villa, ha donato al Comune, nel 2000, con un gesto di grande generosità verso la sua città, tutti i beni che compongono il prezioso patrimonio Zeppilli-Alberghini. La Villa, per lascito testamentario della signora Alberghini, è oggi Residenza ANT.

Alice Zeppilli ha ricoperto il ruolo di Zerlina nel Don Giovanni:

  • nel 1907 (28 dicembre) a New York alla Manhattan Opera House per 3 recite
  • nel 1913 (18 dicembre) all'Auditorium di Chicago
  • nel 1914 (21 febbraio) a Filadelfia alla Metropolitan Opera House

 (Adriano Orlandini “Il cherubino di D’Annunzio” – Maurizio Magri editore, 2000)

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/12/02 12:32:00 GMT+2 ultima modifica 2019-12-17T10:11:54+02:00

Valuta questo sito